Erezione

 



Allungamento pene

 

Allungamento pene





LINKS UTILI

 

Problematiche: erezione

EREZIONE

esercizi allungamento pene

Come andare su e su

Hai bisogno di una marmitta nuova. Vai in officina e consegni la macchina al meccanico, che la sistema sul ponte e mette in funzione l'elevatore idraulico. All'improvviso la tua Cherokee di 3 tonnellate si stacca da terra con la grazia di una ballerina. Su, su, su verso il cielo, spinta da una possente e scintillante colonna d'acciaio, un trionfante e abbagliante palo metallico di 30 centimetri di diametro. Quando ha finito di salire, la tua automobile è sopra di te.

Una buona descrizione della tua erezione, giusto?

Nella realtà un elevatore idraulico assomiglia a un'erezione per un solo aspetto: in entrambi i casi il suo funzionamento dipende dallo scorrere di un fluido. Ma oltre a quello, non c'è paragone.

Proviamo invece a spiegare come funziona un'erezione ricorrendo a una similitudine più umile. Conosciamo tutti le lingue di Menelik, quelle di carta con una trombetta nel bocchino che si srotolano e si gonfiano soffiandoci dentro e che si usano per far festa a carnevale. Non andarlo a raccontare alla tua donna, ma noi siamo fatti così.

In poche parole un'erezione funziona in questo modo: uno stimolo, proveniente dal cervello o dai genitali o da entrambi, corre lungo le ramificazioni nervose e dilata le arterie che giungono al pene. Il sangue affluisce in tutte le minuscole cavità dei corpi cavernosi, due tubi di tessuto spugnoso che costituiscono il corpo principale del pene.

L afflusso arriva velocemente a quasi decuplicare il quantitativo di sangue presente nel pene, espandendolo come una piccola lingua di Menelik. Il sangue preme contro la guaina che circonda i corpi cavernosi creando rigidità, né più né meno come l'aria può rendere assolutamente duro un pallone da basket. I tessuti erettili così dilatati chiudono praticamente del tutto le vene presenti nel pene impedendo al sangue di defluire. Così l'erezione si mantiene fino a che cessano i messaggi nervosi.

La parte più complicata di un'erezione è la sua connessione al sistema nervoso. I canali nervosi coinvolti sono 2. Se il tuo pene viene accarezzato in maniera erotica o si trova in quel momento avviluppato da una vagina, gli arriva l'ordine di inturgidirsi (o all'erezione di continuare) da quella parte del sistema nervoso che controlla funzioni come la digestione. In altre parole avviene senza che tu debba pensarci. È un riflesso.

L'altro canale che porta all'erezione parte da un'immagine mentale di Sharon Stone o da una focosa conversazione telefonica notturna. Qui entra in gioco il meccanismo erettile che proviene dal cervello. Le erezioni migliori (e il sesso più soddisfacente) sono il risultato della sinergia che si crea quando agiscono contemporaneamente entrambe queste categorie di sinapsi.

Come è facile intuire, ci sono itinerari nervosi diversi per erezione ed eiaculazione. Ecco perché un'eiaculazione può avvenire senza erezione, proprio come un'erezione può avvenire senza eiaculazione.

Come il pene è diverso in varia misura da un uomo all'altro, altrettanto sono diverse le erezioni. Non esiste un'angolazione di riferimento. Un pene eretto assume di solito una posizione che non è né perfettamente verticale, né perfettamente orizzontale, ma si assesta tra i 90 e i 180° (prendendo come 0° la direzione verso il suolo), come la freccia posta a nordest nel simbolo del genere maschile.

A volte abbiamo erezioni quando non le vogliamo e a volte non le abbiamo quando le vorremmo. O vengono e vanno a piacimento... piacimento loro, non nostro. Durante incontri sessuali prolungati, per esempio, un'erezione può imporsi e cadere come gli imperi antichi, se la stimolazione necessaria viene momentaneamente interrotta. L'unico punto importante in proposito è non farne un punto importante. Non farsi prendere dall'ansia. Un'erezione può essere sovvertita da emozioni negative come ostilità o sensi di colpa; o anche dalla mancanza di un'emozione. L'ansia è un'insidia riconosciuta da tutti. "Se l'ansia è abbastanza forte, non lo sarà il pene", osserva con una battuta il terapeuta sessuale Bernie Zilbergeld nel suo libro The New Male Sexuality. Difficoltà di erezione possono essere provocate anche da problemi fisici, come un indurimento delle arterie. E sono frequenti effetti collaterali dell'assunzione di certi farmaci. Per approfondire, leggi le sezioni Farmaci & disturbi e Ansia da prestazione..

continua
>